NEL MONDO DELL'ARTE... OGGI 
APRILE
 
30 APRILE
Il 30 aprile del 1504 nasceva a Bologna Francesco Primaticcio, il pittore manierista che influenzò notevolmente il Rinascimento francese. Fu allievo di Giulio Romano con cui collaborò dal 1525 al 1531 alla corte mantovana dei Gonzaga. Si stabilirà successivamente in Francia (vi rimarrà fino alla morte) lavorando alla corte di Fontainebleau, dove divulgherà lo stile manieristico cinquecentesco italiano. Visse in tempi di brutture di ogni genere e per trovare un po' di pace entrò nella vita religiosa (nel 1544 sarà nominato abate di Saint-Martin de Troyes). In Italia tornerà solo come compratore di statue antiche per le collezioni reali francesi. 
(FAGR 30-04-2021)
 
 
 
29 APRILE
Il 29 aprile del 1848 nasceva il pittore indiano Raja Ravi Varma, uno dei più grandi artisti del suo paese, riconosciuto anche internazionalmente. Egli dipingeva le tradizioni indiane usando le tecniche pittoriche europee e in tal modo ebbe molto successo perché riuscì a divulgare nel mondo le storie indiane raccontate nei grandi poemi epici del Mahabharata e del Ramayana. Raja ottenne riconoscimenti prestigiosi tra cui una medaglia d'oro "Kaiser-i-Hind"; gli venne anche dedicato il collegio per le Belle Arti di Mavelikkara. 
(FAGR 29-04-2021)
 
 
 
28 APRILE
Il 28 aprile del 1530 moriva il pittore e disegnatore svizzero Niklaus Manuel. Nato in una famiglia di origine germanica che si trasferì in Piemonte, la sua pittura risulta piena di influenze da Durer alla pittura rinascimentale. Egli è noto però soprattutto per dei disegni con soggetti di vario genere che dimostrano un carattere libero dai vincoli del suo tempo. Questo artista affrontò i temi sacri, le coppie d'amanti, i soggetti araldici, le allegorie mostrandosi sempre molto originale. Egli diede grande appoggio alla Riforma protestante con satire aventi come bersaglio la Chiesa cattolica e i papi. 
(FAGR 28-04-2021)
 
 
 
27 APRILE
Il 27 aprile del 1791 nasceva il pittore e inventore statunitense Samuel Morse. Fino al 1832 egli si occupò completamente di pittura, viaggiò molto per completare i suoi studi artistici e tornato in patria, divenne un eccellente ritrattista, tanto da avere commissioni da importanti personalità politiche del suo tempo, come ad esempio il presidente americano James Monroe che ritrasse nel 1820. Si dedicò anche all'insegnamento della pittura e della scultura. Il suo nome oggi però viene ricordato piu come inventore del telegrafo elettronico con il relativo codice (detto alfabeto Morse) che come artista. 
(FAGR 27-04-2021)
 
 
 
26 APRILE
Il 26 aprile del 1798 nasceva il pittore francese Eugéne Dalacroix, considerato in Francia il maggior esponente del Romanticismo pittorico. Egli amava creare sulle sue tele immagini che davano forti emozioni all'osservatore e spesso venne per questo aspramente criticato mentre era in vita (Stendhal di lui disse che sembrava sempre intenzionato a dipingere appestati). Per dare potenza alle sue immagini, egli dipingeva con pennelate rapide e il suo stile fu molto apprezzato dalle avanguardie. 
(FAGR 26-04-2021)
 
 
 
25 APRILE
Il 25 aprile del 1656 nasceva il pittore bolognese Giovanni Antonio Burrini, un artista alquanto stimato ai suoi tempi, tanto da essere citato nelle "Vite" del Zanotti, il quale lo definì come molto attivo in Emilia e perciò richiestissimo dai commissionanti. Nella sua pittura è presente l'enfasi barocca per la grande rifinitura dei particolari. Tutte le sue opere richiamano la pittura veneta per il cromatismo vivo e brillante. Il Burrini risulta tra i pittori ingiustamente dimenticati ai nostri tempi. 
(FAGR 25-04-2021)
 
 
 
24 APRILE
Il 24 aprile del 1624 nasceva ad Anversa il pittore Jan Peeters il Vecchio. Con il fratello Bonaventura il Vecchio, fu uno dei rappresentanti del Barocco fiammingo secentesco (mentre era nella sua età d'oro). Noto soprattutto per i suoi dipinti di tempeste marine e naufrgi, Jan immortalò diverse città europee, ma non si sa se abbia viaggiato oppure si tratta di lavori copiati da altri artisti. Dei suoi quadri si fecero molte incisioni e stampe ancora oggi famose. 
(FAGR 24-04-2021)
 
 
 
23 APRILE
Il 23 aprile del 1775 nasceva il pittore paesaggista londinese William Turner, un artista appartenente al movimento romantico che diede le basi per la nascita dell'Impressionismo con i suoi approfonditi studi sulla luce. Nonostante venne sempre aspramente giudicato mentre era in vita per il suo stile pittorico che usciva completamente da quello della scuola tradizionale del paesaggio (non dava importanza alle rifiniture), sarà lui a cambiare per sempre la paesaggistica. Il modo in cui Turner rese i paesaggi non ha precedenti perché si concentrò non su una natura serena, ma mentre era in subbuglio: tempeste di neve, mari in burrasca, incendi e naufragi furono i suoi soggetti preferiti. Viaggiò molto e amò particolarmente ritrarre paesaggi italiani. 
(FAGR 23-04-2021)
 
 
 
22 APRILE
Il 22 aprile del 1781 nasceva il pittore José de Madrazo y Aguado, considerato uno dei maggiori rappresentanti del Neoclassicismo spagnolo. Lasciò la Spagna nel 1803 quando vinse una borsa di studio per studiare all'Accademia di Belle Arti di Parigi e qui divenne uno dei pittori preferiti di David, suo maestro e capo dei neoclassici francesi. Tornò in Spagna dopo la caduta di Napoleone quando il re Ferdinando VII riconquistò il trono e lo farà pittore di corte. Egli fu il primo ad introdurre nel suo paese la nuova tecnica della litografia. 
(FAGR 22-04-2021)
 
 
 
21 APRILE
Il 21 aprile del 1555 nasceva Ludovico Carracci, il quale con i cugini Agostino e Annibale, fondò a Bologna l'Accademia dei "Desiderosi" (inseguito detta degli "Incamminati"), a scopo di portare un cambiamento in pittura dopo il sopraggiungere della crisi del Manierismo. Desideroso di portare aria nuova nel mondo dell'arte, Ludovico si diede anima e corpo all'insegnamento per tornare ad un classicismo puro al pari di quello dei grandi maestri come Raffaello e Veronese. Quando essi si separarono fu lui da solo ad occuparsi dell'Accademia ed ebbe molti allievi che divennero celebri come Guido Reni e Francesco Albani.  
(FAGR 21-04-2021)
 
 
 
20 APRILE
Il 20 aprile del 1840 nasceva Odilon Redon, considerato il maggior rappresentante del Simbolismo pittorico. Sempre molto malato durante l'infanzia, la sua creatività inizierà verso i trent'anni. Egli giunse alla conclusione che la vera dimensione dell'arte poteva essere solo il sogno perché permetteva di esplorare il mondo interiore; le sue opere perciò sono spesso ricche di ambiguità con le forme inquietanti tipiche degli incubi umani. Redon affrontò le grandi superfici decorando il castello del barone Robert de Domecy nella Yonne, ma ancora più grandi saranno i suoi dipinti per la abbazia cistercense di Fontfroide con i temi del giorno e della notte. 
(FAGR 20-04-2021)
 
 
 
19 APRILE
Il 19 aprile del 1588 moriva all'età di 60 anni a Venezia il pittore Paolo Cagliari, detto il Veronese. Nella sua pittura predomina lo stile manierista divulgato da Giulio Romano, basato sulla sensualità della lezione di Tiziano, di cui fu un seguace ed estimatore. Il Veronese sarà l'unico artista del suo tempo a non avvertire mai nessuna crisi riguardo il modo di dipingere ispirato alla classicità e i suoi capolavori saranno portati sempre al massimo grado di gioiosità attingendo alla mitologia greca. La più grande impresa di questo artista fu la decorazione della Villa Barbaro a Maser (Treviso), ma lavorò anche al Palazzo Ducale di Venezia decorando la Sala dell'Udienza. Non disdegnò però le piccole commissioni e i quadri che eseguì a sfondo erotico furono apprezzatissimi dalla nobiltà dell'epoca. 
(FAGR 19-04-2021)
 
 
 
18 APRILE
Il 18 aprile del 1768 naceva il pittore francese Jean-Baptiste Debret. Cugino di David (capo della scuola neoclassica in Francia), egli ebbe una formazione neoclassica e fu uno degli artisti prediletti da Napoleone. La sua pittura possedeva il carattere solenne che imponevano i tempi, però Depret privilegiò spesso le emozioni a scapito della severità imposta dal Neoclassicismo per cui può essere considerato anche un preromantico. Su richiesta del re Giovanni VI si recò in Brasile dove vi rimase 15 anni e realizzò 153 illustrazioni che saranno riunite nel libro da lui scritto intitolato: "Viaggio pittoresco e storico in Brasile". 
(FAGR 18-04-2021)
 
 
 
17 APRILE
Il 17 aprile del 1925 moriva a 69 anni il pittore statunitense John Singer Sargent, considerato uno dei più eccellenti ritrattisti dell'Ottocento. Figlio di una coppia di americani che viaggiava molto, trascorse una fanciullezza nomade imparando molte lingue; lui stesso si definì un americano nato in Italia (Firenze), istruito in Francia, che parlava inglese, sembrava un tedesco e dipingeva come uno spagnolo. Sargent studiò in Francia alla Accademia di Belle Arti di Parigi e fu amico di Manet, ma s'ispirò allo stile del pittore spagnolo Diego Velazquez. Per i suoi ritratti preferì l'atmosfera spensierata e mondana che gli garantiva facili guadagni e solo in tarda età raggiunta la sicurezza economica, diede più sfogo alla sua fantasia. Negli ultimi anni della sua vita si stabilì a Londra dove morì. 
(FAGR 17-04-2021)
 
 
 
16 APRILE
Il 16 aprile del 1623 moriva a 34 anni il pittore romano Domenico Fetti, uno dei grandi divulgatori dello stile barocco in Italia. Egli conobbe a Roma il cardinale Ferdinando Gonzaga e lo seguirà a Mantova quando questi otterrà una dispensa per sposarsi essendo rimasto senza eredi il suo casato. Lavorare alla corte dei Gonzaga dove Rubens visse e lasciò capolavori, fu per il Fetti di grande importanza perché stimolò la sua creatività. La lezione del maestro fiammingo, diffusore della pittura barocca in tutta Europa, venne da lui ben assimilata poi portata a Venezia quando vi si stabilì e qui dipingerà opere in grado di ispirare molti artisti. 
(FAGR 16-04-2021)
 
 
 
15 APRILE
Il 15 aprile del 1757 moriva a 84 anni la pittrice veneziana Rosalba Carriera. Il suo modo di dipingere in stile rococò ebbe successo già ai suoi inizi quando dipingeva su tabacchiere figure di graziose damine; incoraggiata le traspose poi su miniature in avorio  che furono la sua fortuna. Rosalba divenne in breve tempo una ritrattista ricercatissima da principi e re (anche Luigi XV di Francia volle farsi ritrarre da lei) e fu la prima a uscire dalle regole accademiche dipingendo con tratto veloce le miniature. Smise di lavorare a 74 anni perché divenuta cieca. 
(FAGR 15-04-2021)
 
 
 
14 APRILE
Il 14 aprile del 1647 nasceva il pittore Gregorio de Ferrari, molto operativo nell'ambito ligure nel Seicento. Egli visse nell'ultimo periodo di indipendenza della Repubblica marinara di Genova e ottenne tanto successo da portare la città in primo piano nel panorama dell'esperienza barocca italiana, questo perché il suo stile pittorico fu veramente  innovativo: abbandonò le immagini eroico-celebrative per dare più piacere visivo attraverso il repertorio arcaico naturale. Gregorio ebbe il gusto di meravigliare come Correggio e Rubens, i due grandi maestri che ammirava di più e dalle loro lezioni, trasse elementi nel decorare a Genova Palazzo Balbi e il Palazzo Rosso, diventando per la sua originalità un anticipatore del gusto rococò.  
(FAGR 14-04-2021)
 
 
 
13 APRILE
Il 13 aprile del 1806 moriva l'artista parigino Jean-Jacques Bachelier, il pittore preferito di fiori e animali del re Luigi XV e della marchesa Pompadour, sostenitrice dello stile pittorico Rococò in Francia. Assieme ad Alexandre-François Desportes, egli viene considerato l'iniziatore della pittura animalista che ebbe poi grande seguito in Europa. Bachelier fu un eccellente esecutore di pitture ornamentali e nelle sue nature morte disponeva gli oggetti come sospesi nell'aria su sfondi chiari. Nel 1751 divenne direttore artistico delle manifatture di porcellane e per migliorare le sue opere, non esitò mai a darsi alla sperimentazione. Inventò anche un nuovo tipo di bianco ancora usato ai nostri giorni. 
(FAGR 13-04-2021)
 
 
 
12 APRILE
Il 12 aprile del 1522 moriva il pittore fiorentino Piero di Cosimo, uno dei pittori più originali del suo tempo. Il fascino dei suoi quadri viene da scene di insolito contenuto frutto di una fantasia poetica. I suoi gruppi di nudi arditamente intrecciati esercitarono una impressione durevole persino su Michelangelo. Fu allievo di Cosimo Rosselli di cui fu anche collaboratore negli affreschi della Cappella Sistina (nel 1481-82) e dalla quale prese il nome. A parte il viaggio a Roma con il suo maestro, egli però non si mosse mai da Firenze dove lavorò sempre per i ricchi borghesi fiorentini come i Vespucci e i Pugliese, i quali con le loro committenze, impreziosirono di capolavori l'arte italiana. 
(FAGR 12-04-2021)
 
 
 
11 APRILE
L'11 aprile del 1749 nasceva la pittrice parigina Adélaide Labille-Guiard, mirabile interprete del Neoclassicismo francese che riuscì nel 1783 (nonostante donna) ad essere ammessa all'Accademia. Ella risulta tra i pochi artisti ad avere successo sia durante la monarchia di Luigi XVI che nel periodo della Rivoluzione francese, ricevette infatti commissioni importanti dai nipoti del re di Francia e anche da Robespierre (si fece fare il ritratto). Adélaide fu allieva del miniaturista François-Elie Vincent, di cui sposerà il figlio nel 1799; ebbe poi molte allieve e per loro si batterà in modo da ottenere il diritto delle donne di essere ammesse all'Accademia senza numero chiuso. 
(FAGR 11-04-2021)
 
 
 
10 APRILE
Il 10 aprile del 1882  moriva a 53 anni il pittore britannico di origine italiana Dante Gabriel Rossetti, uno dei capi più importanti del movimento artistico del Preraffaellismo che dagli anni quarata  a quelli ottanta dell'Ottocento, ebbe un grande successo in Inghilterra. Le opere di Rossetti si proponevano di riportare le immagini pittoriche a quelle delle antiche forme fiorentine e veneziane precedenti ai lavori troppo perfetti di Raffaello per recuperare la spiritualità del passato. I suoi capolavori rientrano nello stile del Simbolismo europeo. Tra i suoi allievi il più significativo fu Edward Burne-Jones, ma in molti furono gli artisti che si ispirarono alla sua pittura. 
(FAGR 10-04-2021)
 
 
 
9 APRILE
Il 9 aprile del 1813 nasceva il pittore lettone Alexander Heubel, le cui opere furono influenzate dal Romanticismo tedesco. Egli studiò a Dresda e a Dusseldorf, ma poi fece ritorno in Lettonia a causa di problemi di salute, dove poi morì a soli trentaquattro anni di tubercolosi. La sua arte si concentrò principalmente sui temi religiosi e sulle figure bibliche. Ebbe grande successo, tanto da ricevere una commissione dalla imperatrice consorte Carlotta di Prussia durante un suo viaggio a Roma. 
(FAGR 09-04-2021)
 
 
 
8 APRILE
L'8 aprile del 1618 moriva attorno ai trent'anni (data di nascita incerta) il pittore Antonio Carracci. Figlio naturale di Agostino Carracci e di una cortigiana conosciuta a Venezia quando si dedicava alla carriera di incisore, Antonio fu allievo del padre finché visse, poi dello zio Annibale Carracci (si pensa che arrivò a Roma per collaborare con lui alla decorazione della Galleria Farnese). Dopo lavorò per affrescare numerose chiese romane e anche alla Cappella del Palazzo del Quirinale assieme a Guido Reni.  
(FAGR 08-04-2021)
 
 
 
7 APRILE
Il 7 aprile del 1614 moriva a 72 anni il pittore Dominikos Theotokopoulos, soprannominato El Greco, ritenuto il primo grande maestro del “Secolo d'oro” spagnolo. Iniziò come pittore di icone a Creta (allora faceva parte della Repubblica di Venezia), dopo di che si trasferì a Venezia per studiare i grandi pittori veneti come Tiziano, Tintoretto e Veronese. Si trasferì in seguito a Toledo in Spagna, dove rimase fino alla morte e sarà qui che creerà i suoi più importanti capolavori. La sua pittura considerata dai più di tipo manierista, è originalissima perché di grande fantasia, tanto da essere amata anche dai pittori moderni. 
(FAGR 07-04-2021)
 
 
 
6 APRILE
Il 6 aprile del 1520 moriva a 37 anni il grande Raffaello Sanzio da Urbino. Figlio del pittore e scrittore Giovanni Santi, artista alla corte dei Montefeltro, rimase orfano a 11 anni ed ebbe modo di formarsi nella cerchia dei pittori attivi in Umbria come Pietro Perugino e Luca Signorelli. A 17 anni era già maestro e a 20 collaborò con il Pinturicchio agli affreschi nella libreria Piccolomini di Siena. A Firenze conobbe Michelangelo Buonarroti e Leonardo da Vinci da cui apprese la lezione sui movimenti del corpo dal primo e la lezione sulla espressività dei volti con il famoso “sfumato” dal secondo. Chiamato a Roma dal papa Giulio II, consacrò la propria fama con il ciclo di affreschi nelle Stanze Vaticane e quelli nella Farnesina per il banchiere Agostino Chigi. Celebre ritrattrista, le sue “Madonne” sono considerate un modello di bellezza irraggiungibile. 
(FAGR 06-04-2021)
 
 
 
5 APRILE
Il 5 aprile del 1527 nasceva il pittore milanese e manierista “Giuseppe Arcimboldo”, famoso per i suoi dipinti burleschi: le famose “teste composte” create mettendo insieme numerosi ortaggi, pesci e oggetti. Egli discendeva da un ramo cadetto aristocratico milanese, i conti di Arcisate e studiò nella bottega del padre, Biagio Arcimboldo, stimato pittore. Lavorò presso il Duomo di Milano e di Monza, ma nel 1562 decise di lasciare l'Italia per raggiungere Massimiliano II d'Asburgo alla corte viennese; ottenne stima anche dal successivo imperatore, Rodolfo II, che seguì a Praga dove ottenne la nomina di “Conte Palatino”. Nel 1587 tornò a Milano dove ebbe ancora molto successo. 
(FAGR 05-04-2021)
 
 
 
4 APRILE
Il 4 aprile del 1566 moriva a 57 anni Daniele Ricciarelli da Volterra, più comunemente noto con il soprannome di “Braghettone”, per aver ricevuto nel 1565 l'ordine dal papa Pio IV, di coprire le nudità del Giudizio Universale di Michelangelo Buonarroti nella Cappella Sistina con perizomi e foglie di fico. Egli crebbe nella cerchia degli artisti senesi e seguì Baldasse Peruzzi a Roma nel 1535, per diventare poi allievo di Perin del Vaga (allievo di Raffaello). Fu raccomandato da Michelangelo presso il papa Paolo III che lo nominò soprintendente dei lavori in Vaticano (carica tenuta fino alla morte di quest'ultimo nel 1549).  Michelangelo, suo amico, gli diede numerosi schizzi da usare per le sue opere che gli diedero una fama talmente grande da essere ritenuto adatto a mettere mano al capolavoro nella Cappella Sistina. 
(FAGR 04-04-2021)
 
 
 
3 APRILE
Il 3 aprile del 1682 moriva a 64 anni cadendo da un'impalcatura uno dei più grandi artisti spagnoli di sempre: Bartolomé Esteban Murillo. Entrò a bottega da Juan Castillo a Siviglia e durante la sua formazione, studiò le opere di Zurbaran e Ribera. Il successo per lui  arrivò quando ricevette la commissione di eseguire tredici dipinti per il chiostro della Chiesa di San Francisco el Grande, dopo di ché fondò nel 1660 l'Accademia di Siviglia, di cui fu direttore assieme a Francisco Herrera il Giovane. Sposò Beatriz Cabrera, la quale gli diede nove figli. Pur essendo stato principalmente un pittore di dipinti sacri diventati celebri, sono le sue opere ritraenti giovani del popolo (tra cui zingari e mendicanti) oggi ad essere maggiormente apprezzate. 
(FAGR 03-04-2021)
 
 
 
2 APRILE
Il 2 aprile del 1709 moriva a 69 anni il pittore genovese Giovan Battista Gaulli, più comunemente noto come il Baciccio. Studiò nella bottega del suo concittadino Luciano Borzone, ma si trasferì a Roma a 18 anni dove entrò nella cerchia di Gian Lorenzo Bernini di cui divenne presto un fidato collaboratore. Nella città eterna realizzò il celebre affresco del ciclo di Gesù che gli diede grande fama; affrescò anche la volta della Basilica dei Santi Apostoli e realizzò numerosi dipinti di ritratti di papi e cardinali. Fu nominato nel 1674 "principe" dell'Accademia di San Luca. 
(FAGR 02-04-2021)
 
 
 
1 APRILE
Il 1 aprile del 1621 moriva a 43 anni il pittore fiorentino Cristofano Allori, figlio di Allessandro Allori, l'allievo prediletto del Bronzino. Entrò fin da giovanissimo nella bottega del padre (tenuto in grande considerazione nella corte dei de' Medici) ed ebbe modo di firmare la sua prima opera a 13 anni. Studiò le opere di Raffaello e del Correggio, così poté distaccarsi dai toni freddi bronzineschi per dare un colorito più morbido ai suoi soggetti. La sua abilità nel disegno e nell'uso caldo del colore, lo resero uno dei pittori più apprezzati del tardo manierismo.  
(FAGR 01-04-2021)
 
 
 
 
 
 
FAGR Editore (2008-2021)- Tutti i diritti riservati.
 
 
FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO 
 
IL NOSTRO SHOWROOM E' A RAVENNA (clicca qui per maggiori informazioni)
FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO 
 
IL NOSTRO SHOWROOM E' A RAVENNA (clicca qui per maggiori informazioni)
FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO 
 
IL NOSTRO SHOWROOM E' A RAVENNA (clicca qui per maggiori informazioni)
FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO 
 
IL NOSTRO SHOWROOM E' A RAVENNA (clicca qui per maggiori informazioni)