NEL MONDO DELL'ARTE... OGGI 
GENNAIO
 
31 GENNAIO
Il 31 gennaio del 1903 moriva il pittore romano Giovanni Costa, conosciuto con il soprannome di Nino. Da ragazzo rimase affascinato dalla pittura rinascimentale e poi seguì diversi stili pittorici. Le sue tendenze verso il paesaggismo influenzarono molto gli altri artisti italiani. Partecipò alla Prima Guerra d'Indipendenza Italiana seguendo Garibaldi e nel 1849 diventò consigliere municipale della Repubblica romana fino alla caduta di quest'ultima che lo costrinse a scappare a Napoli. Fece parte del gruppo dei macchiaioli convincendoli ad abbandonare i soggetti storici per la pittura dal vero. Durante i suoi numerosi viaggi ebbe modo di conoscere i pittori inglesi preraffaelliti e di avvicinarsi anche alla loro arte. Lascerà le sue memorie alla figlia Giorgia e ad Olivia Rossetti Agresti (nipote di Dante Gabriele Rossetti). 
(FAGR 31-01-2021)
 
 
 
30 GENNAIO
Il 30 gennaio del 1721 nasceva il pittore vedutista Bernardo Bellotto, nipote di ramo materno del celebre Antonio Canal, detto il Canaletto (di cui fu anche allievo). Il talento precoce di Bernardo si fece presto notare e nel 1738 ebbe modo di iscriversi alla "Corporazione dei pittori veneziani"; compì dopo numerosi viaggi tra Firenze, Roma, Lucca e Torino. Lavorò per i conti lombardi dei Simonetta e nel 1747 si trasferì a Dresda su invito di Augusto III di Sassonia diventando pittore di corte. La sua fama arrivò anche all'imperatrice Teresa d'Austria che lo volle a Vienna nel 1758 (vi restò tre anni), poi si spostò a Monaco di Baviera e infine a Varsavia, dove i suoi dipinti saranno dei fondamentali modelli per la ricostruzione della città distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale. 
(FAGR 30-01-2021)
 
 
 
29 GENNAIO
Il 29 gennaio del 1899 moriva a 59 anni il pittore impressionista Alfred Sisley. Nato a Parigi da genitori inglesi (non ricevette mai la cittadinanza francese), ebbe il sostegno della famiglia benestante all'inizio della sua carriera artistica, ma con il fallimento del padre dovette dopo affrontare parecchi disagi economici. L'incontro con Monet, Renoir e Bazille, lo portarono verso la strada della pittura ad "impressione" di cui diventò uno dei più importanti esponenti, ma senza finché fu in vita, ingranare bene nel suo lavoro. Dipinse principalmente paesaggi di campagne francesi (luoghi da lui molto amati) dove approfondì studi sulla luce e gli eventi atmosferici che verranno apprezzati però solo dopo la sua morte. 
(FAGR 29-01-2021)
 
 
 
28 GENNAIO
Il 28 gennaio del 1761 nasceva la pittrice francese Marguerite Gérard. A 8 anni diventò cognata di Jean-Honoré Fragonard, sua sorella Marie-Anne di sedici anni maggiore di lei ed eccellente miniaturista, sposò infatti il celebre pittore, permettendole così di diventarne allieva quando si trasferì da loro. Marguerite si specializzò in ritratti e delicate scene di genere intimistico. Collaborò poi con Fragonard fino alla morte di quest'ultimo, dopo di che continuò da sola essendosi ormai fatta la fama di talentuosa pittrice. 
(FAGR 28-01-2021)
 
 
 
27 GENNAIO
Il 27 gennaio del 1832 nasceva il pittore e illustratore londinese Arthur Hughes. Da ragazzo studiò prima alla Somerset House e successivamente entrò nella Royal Academy of Art dove conobbe John Everett Millais e Dante Gabriel Rossetti, membri della confraternita dei Preraffaelliti a cui lui si ispirò molto. Nelle sue opere diede grande spazio alla vegetazione, particolarmente ai fiori e amò dipingere i temi romantici, soprattutto quelli tratti dalle rappresentazioni delle opere di Shakespeare. Sposò la sua modella da cui ebbe cinque figli, ma solo il nipote, Edward Robert Hughes, diventò pittore. 
(FAGR 27-01-2021)
 
 
 
26 GENNAIO
Il 26 gennaio del 1824 moriva a trentatre anni il pittore francese Théodore Géricault, uno dei maggiori artisti della corrente del Romanticismo. Da ragazzo compì un viaggio a Roma e tornando a Parigi ebbe modo di conoscere Eugène Delacroix di cui fu estimatore e amico. Géricault rifiutò gli standard di bellezza in voga al suo tempo per approfondire invece i temi più crudi e macabri. Egli dedicò la maggior parte dei suoi lavori ai morti, ai corpi mozzati e anche ai ritratti dei pazzi. La sua vita fu piena di eccessi e fasi depressive (dovute probabilmente alle numerose critiche verso la sua arte) che lo porteranno ad una fine prematura. 
(FAGR 26-01-2021)
 
 
 
25 GENNAIO
Il 25 gennaio del 1504 i più grandi artisti fiorentini dell'epoca: Leonardo da Vinci, Botticelli, Lorenzo di Credi, Perugino, Andrea della Robbia, Filippino Lippi, Piero di Cosimo, Antonio da Sangallo e Giuliano da Sangallo, furono convocati dall'Opera di Santa Maria del Fiore per discutere su dove collocare la statua del David di Michelangelo Buonarroti. Ogni artista espresse la propria opinione e Giuliano con Leonardo ritennero fosse più opportuno tenere la grande opera al riparo dalle intemperie per non danneggiarne il marmo con il consenso degli altri. Il governo di Pier Soderini però alla fine espose lo stesso il David all'aperto così il capolavoro venne collocato su una pedana davanti a Palazzo Vecchio. Il tempo però diede ragione ai lungimiranti artisti perché sia i fenomeni atmosferici che gli atti vandalici a cui Firenze fu soggetta, segneranno parecchio il grande capolavoro. 
(FAGR 25-01-2021)
 
24 GENNAIO
Il 24 gennaio del 1302 moriva il pittore italiano Cimabue (Cenni di Pepo), colui che riuscì a portare la pittura fuori dallo stile bizantino, quando le immagini pittoriche si ispiravano solo ai lavori in mosaico. Si conosce ben poco della gioventù di Cimabue, di certo si sa che era già un pittore affermato nel 1272 e che la sua fama aveva già raggiunto livelli altissimi quando nel 1288 gli vennero affidati gli affreschi della Basilica Superiore di San Francesco ad Assisi, uno dei suoi massimi capolavori (di cui oggi rimane molto poco). Fu maestro di Giotto, il quale proseguirà gli studi iniziati da Cimabue sulle figure umane, le quali dopo inizieranno ad essere dotate di emozioni e con una fisicità più reale. 
(FAGR 24-01-2021)
 
 
 
23 GENNAIO
Il 23 gennaio del 1832 nasceva uno dei più importanti pittori del movimento Realista: Edouard Manet, un artista che fu di grande ispirazione per i giovani impressionisti. Egli guardò sempre la realtà con sguardo provocatorio e con la sua arte causò parecchi scandali. Ciò che contò per lui fu solo denunciare i problemi della gente del suo tempo e ciò non piacque ai benpensanti, i quali preferivano le immagini pittoriche da sogno dell'arte classica. Il ripudio del mondo antico non gli rese certo la vita facile, ma le generazioni di pittori future seguirono il suo esempio dando vita all'arte moderna. 
(FAGR 23-01-2021)
 
 
 
22 GENNAIO
Il 22 gennaio del 1822 nasceva l'artista ungherese Károly Markó il Giovane, figlio e allievo del pittore Károly Markó il Vecchio. A 14 anni entrò all'Accademia di Belle Arti di Vienna e due anni dopo si trasferì con il padre a Firenze dove continuò a dedicarsi alla pittura assieme al fratello András Markó realizzando prevalentemente paesaggi. Espose poi le sue opere in varie città italiane e divenne un membro onorario dell'Accademia di Belle Arti di Firenze, Genova, Perugia e Urbino dove insiegnò a molti futuri artisti italiani ottocenteschi. 
(FAGR 22-01-2021)
 
 
 
21 GENNAIO
Il 21 gennaio del 1845 nasceva la pittrice norvegese Harriet Backer. Imparò i primi rudimenti della pittura a dodici anni dal maestro Johan Frierik Eckersberg, suo connazionale e una volta adulta, viaggiò assieme alla la sorella (celebre pianista e compositrice) per l'Europa con lo scopo di imparare nuovi stili pittorici. Studiò gli impressionisti, ma si avvicinò maggiormente alla corrente del Realismo. La fama che Harriet ottenne le permise di partecipare alla 3° Esposizione Internazionale d'Arte di Venezia del 1899. 
(FAGR 21-01-2021)
 
 
 
20 GENNAIO
Il 20 gennaio del 1330 Giotto venne nominato "primo pittore di corte e nostro fedele" dal re Roberto d'Angiò con l'appellativo di "familiare" per indicare quanta stima aveva di questo grande artista. Giotto era stato chiamato a Napoli due anni prima dallo stesso re che lo volle al suo servizio dandogli anche uno stipendio annuo, cosa concessa a pochi. Rimangono solo pochi frammenti dei lavori che il pittore realizzò per il d'Angiò, ma la bottega da lui formata a Napoli creò altri nuovi maestri che diffusero ovunque il suo stile. 
(FAGR 20-01-2021)
 
19 GENNAIO
Il 19 gennaio del 1839 nasceva il pittore francese Paul Cézanne. Egli si avvicinò tardi alla pittura e quasi casualmente. Ebbe modo di conoscere Manet, Monet e Pisarro all'Académie Suisse, ma insicuro del proprio stile pittorico, si lasciò convincere dal padre a lavorare nella sua banca. La passione per la pittura gli tornò però presto e dopo non l'abbandonò più anche se ebbe numerosi insuccessi. Nonostante gli insulti dei critici d'arte, negli ultimi anni della vita ottenne comunque successo presso il pubblico per le sue opere che superavano ormai lo stile impressionista. L'arte di  Cézanne fu dopo infatti presa come esempio dalle future generazioni di artisti. 
(FAGR 19-01-2021)
 
 
 
18 GENNAIO
Il 18 gennaio del 1803 nasceva il pittore e scrittore scozzese sir Francis Grant. Iniziò a dedicarsi alla pittura come autodidatta riuscendo a farsi una notevole fama tanto da poter esporre i suoi dipinti alla Royal Academy of Arts nel 1834, diventare pochi anni dopo un associato, poi uno dei membri e infine direttore nel 1866. Lavorò molto come ritrattista per la nobiltà dell'epoca tra cui Lord Palmerston e la regina Vittoria che lo nominò baronetto nel 1866. 
(FAGR 18-01-2021)
 
 
 
17 GENNAIO
Il 17 gennaio del 1868 moriva il pittore fiorentino Carlo Dolci, celebre per i suoi dipinti a tema religioso e per l'abilità di ritrattista. Egli fu un bambino prodigio e si racconta che già solo a 11 anni i suoi dipinti avessero attirato l'interesse dei de'Medici. La sua fama risulta molto grande già in vita sebbene lavorò quasi esclusivamente nella sua città natale (Firenze), tanto da venire considerato uno dei più grandi pittori del Seicento italiano. 
(FAGR 17-01-2021)
 
 
 
16 GENNAIO
Il 16 gennaio del 1901 moriva il pittore e scultore svizzero Arnold Bocklin, maestro del movimento artistico simbolista. Viaggiò in Belgio e in Italia che amò moltissimo per i suoi capolavori pittorici. Si concentrò su temi mitologici ed eroici senza usare la tradizionale classicità, ma rivisitandone i temi usandoli come simboli della natura umana. Ebbe notevole fama nonostante le aspre considerazioni dei critici a lui contemporanei. Sposò una ragazza romana da cui ebbe 12 figli (solo 6 sopravvissero  all'infanzia). 
(FAGR 16-01-2021)
 
 
 
15 GENNAIO
Il 15 gennaio del 1858 nasceva il pittore Giovanni Segantini, uno dei più importanti artisti del movimento divisionista. Nacque ad Arco allora appartenente all'impero austriaco e venne mandato a vivere da una parente a Milano dove finì in un riformatorio per tre anni. Affidato dopo al fratellastro Napoleone, scoprì la passione per la pittura e frequentò così l'Accademia di Belle Arti del Brera. Si trasferì in seguito prima in Brianza poi in Svizzera e qui iniziò ad avvicinarsi al Divisionismo e al Simbolismo. I suoi capolavori sono incentrati principalmente sul tema della donna e della maternità all'interno di ambienti contadini. 
(FAGR 15-01-2021)
 
 
 
14 GENNAIO
Il 14 gennaio del 1867 moriva il pittore francese Jean-Auguste-Dominique Ingres, ritenuto uno dei più importanti artisti neoclassici. Da ragazzo si avvicinò all'arte di Raffaello e nonostante la passione per la pittura, divenne secondo violino nell'orchestra di Tolosa, città dove vinse anche un premio di disegno all'Accademia. Si traferì a Parigi per diventare allievo di Jacques-Louis David e poi raggiunse Roma dove concluse i suoi studi pittorici. Ottenne nel 1825 la Legion d'Onore dal re Carlo X di Francia per i suoi dipinti  storici diventati simbolo del Neoclassicismo. Celebri sono anche i suoi ritratti che contribuirono ad aumentarne la fama. 
(FAGR 14-01-2021)
 
 
 
13 GENNAIO
Il 13 gennaio del 1596 nasceva il paesaggista olandese Jan van Goyen, il quale diventò celebre per la capacità di donare fascino poetico alle sue opere. Fu allievo di vari artisti che lo avviarono allo studio del paesaggio. Viaggiò poi molto tra la Francia, l'Inghilterra e i Paesi Bassi così ebbe modo di analizzare la luce nei diversi cambi di stagione e delle ore del giorno. Nonostante il suo successo ebbe una grave crisi finanziaria negli ultimi anni della vita causata da debiti dovuti ad una speculazione in cui si trovò coinvolto. 
(FAGR 13-01-2021)
 
 
 
12 GENNAIO
Il 12 gennaio del 1705 moriva a 71 anni il pittore napoletano Luca Giordano, conosciuto con il soprannome di "Luca fa presto" per la velocità con cui era in grado di realizzare i suoi dipinti (in soli due giorni eseguì i quadri nella Chiesa di Santa Maria del Pianto a Napoli). Si formò sotto la guida di Jusepe de Ribera e successivamente a Roma si avvicinò alle opere dei grandi maestri del passato. Venne chiamato a Firenze dove lavorò a Palazzo de'Medici e dopo la sua fama raggiunse anche la Spagna perché lavorò a Madrid alla corte di Carlo III, dove ottenne il titolo onorifico di "Caballero". 
(FAGR 12-01-2021)
 
 
 
11 GENNAIO
L'11 gennaio del 1503 nasceva uno dei più importanti pittori manieristi: Francesco Mazzola, detto il "Parmigianino". Nato in una famiglia di pittori (sia il padre che gli zii furono artisti), ebbe un precoce talento che gli permise di lavorare giovanissimo accanto al Correggio nell'Abbazia di San Giovanni Evangelista a Parma nel 1522 e l'anno seguente, di creare il suo capolavoro: il ciclo di affreschi a Fontanellato dedicati al mito di Diana e Atteone. Si spostò poi a Roma e a Bologna per poi tornare a Parma, dove eseguì altri meravigliosi dipinti. Parmigianino si occupò moltissimo di alchimia e si pensa che ciò lo portò ad una morte prematura a soli 37 anni. 
(FAGR 11-01-2021)
 
 
 
10 GENNAIO
Il 10 gennaio del 1478 Leonardo da Vinci ebbe a Firenze il primo incarico pittorico pubblico: si trattava di una Pala d'Altare che sarebbe stata posta nella Cappella di San Bernardo al Palazzo della Signoria (oggi Palazzo Vecchio). Per questa commissione Leonardo ricevette 15  fiorini in anticipo, ma non iniziò mai il lavoro per ragioni a noi oggi sconosciute. L'opera fu affidata cinque anni dopo a Filippino Lippi ed è conosciuta come la "Pala degli Otto". 
(FAGR 10-01-2021)
 
9 GENNAIO
Il 9 gennaio del 1590 nasceva il pittore francese Simon Vouet. Assieme al fratello Aubin imparò la pittura dal padre, il pittore Laurent Vouet specializzandosi nei ritratti e viaggiò poi molto. Visitò l'Inghilterra e successivamente l'Italia dove ebbe modo a Genova di lavorare per la famiglia del principe Doria e a Roma per il futuro papa Urbano VIII che gli diede grande successo. Rientrato in Francia diede il via al Barocco ispirandosi sia al Veronese che ad Annibale Carracci diventando così il pittore simbolo di questo stile nel suo paese. Vouet ricevette l'onore d'essere nominato primo pittore alla corte del re Luigi XIII di Francia e decorò numerosi castelli. Sposò la pittrice italiana Virginia Vezzi con cui aprì un'accademia di disegno in Francia.  
(FAGR 09-01-2021)
 
 
 
8 GENNAIO
L'8 gennaio del 1337 moriva uno dei più grandi pittori di tutti i tempi: Giotto di Bondone, il quale seppe dare una svolta alla pittura allontanandola definitivamente dallo stile bizantino e donandole un realismo mai creato prima. Celebri sono i suoi affreschi nella Basilica di San Francesco ad Assisi e il suo capolavoro assoluto: la Cappella degli Scrovegni a Padova. Giotto già in vita venne considerato un mito e grazie a lui si aprì la strada verso il Rinascimento.  
(FAGR 08-01-2021)
 
 
 
7 GENNAIO
Il 7 gennaio del 1830 moriva il pittore inglese sir Thomas Lawrence, primo pittore alla corte di re Giorgio III. Lawrence iniziò a farsi conoscere fin giovane grazie alla sua abilità pittorica e con l'aiuto di sir Joshua Reynolds, riuscì ad entrare alla Royal Academy of Arts. Alla morte dell'amico ereditò la carica di primo pittore di corte e la sua fama di ritrattista raggiunse poi l'Europa intera. Venne nominato baronetto nel 1815.  
(FAGR 07-01-2021)
 
 
 
6 GENNAIO
Il 6 gennaio del 1536 moriva l'architetto e pittore Baldassarre Peruzzi, il quale a Roma collaborò dapprima con Bramante nella Fabbrica di San Pietro e poi successivamente con Raffaello Sanzio. Egli come architetto si occupò della realizzazione della Villa Farnesina e la decorò anche con alcuni dipinti. Progettò il Duomo di Carpi, lavorò a Bologna e soprattutto a Siena dove era nato, costruendo il Castello di Belcaro, il Palazzo Celsi-Pollini e la Villa Chigi. Per la sua capacità di spaziare in vari campi, il Peruzzi è oggi considerato uno dei pochi "artisti universali". 
(FAGR 06-01-2021)
 
 
 
5 GENNAIO
Il 5 gennaio del 1578 moriva Giorgio Giulio Clovio, il più grande miniaturista rinascimentale, conosciuto anche con il soprannome di "Michelangelo della miniatura". Pare che da ragazzo sia stato allievo a Roma di Giulio Romano e sempre a Roma, lavorò a lungo per la famiglia Farnese (creò per il cardinale Alessandro Farnese il "Libro d'Ore" considerato il suo capolavoro). Dipinse in seguito a Venezia per i signori Contarini e alla corte di Luigi II d'Ungheria. Ebbe modo di conoscere a Venezia il giovane El Greco e ammirandone il talento, ne diventò il protettore. 
(FAGR 05-01-2021)
 
 
 
4 GENNAIO
Il 4 gennaio del 1845 moriva il pittore francese Louis-Léopold Boilly, artista conosciuto per la minuziosità che dedicava ai dettagli nelle sue opere. Studiò la prospettiva specializzandosi nella tecnica del trompe-l'oeil e si rifiutò di seguire la corrente neoclassica in voga ai suoi tempi per dedicarsi principalmente alle scene di vita quotidiana e ai ritratti. Dipinse scene romantiche spesso velatamente erotiche tanto da fargli rischiare delle denunce. Tra le onoreficenze che ottenne ci furono: una "Medaglia d'Oro" al Salon di Parigi, la nomina a "Cavaliere della Legione d'Onore" e diventò anche uno dei membri dell'Istituto di Francia (conteneva cinque accademie tra cui quella di Belle Arti). 
(FAGR 04-01-2021)
 
 
 
3 GENNAIO
Il 3 gennaio del 1887 nasceva il pittore tedesco August Macke, celebre esponente del movimento artistico "Der Blaue Reiter", ovvero "Il cavaliere blu". Da ragazzo viaggiò molto spostandosi tra la Svizzera, Italia, Paesi Bassi e la Francia. Studiò l'Impressionismo, il Post-Impressionismo e si avvicinò anche allo stile dei Fauve. L'amicizia con Franz Marc lo fece entrare in contatto con la pittura del Cavaliere Blu, ma dopo l'influenza del Cubismo di Robert Delaunay, modificò le sue creazioni fino alla sua prematura scomparsa durante la Prima guerra mondiale. 
(FAGR 03-01-2021)
 
 
 
2 GENNAIO
Il 2 gennaio del 1765 nasceva il pittore inglese Richard Westall, diventato celebre per i suoi ritratti. Studiò alla Royal Academy of Arts dove potè esporre le sue opere. Dipinse numerose illustrazioni di romanzi, opere di Shakespeare e libri di poesie. Fu un grande amico di sir Thomas Lawrence con cui abitò per 5 anni e insegnante di disegno e pittura della regina Vittoria per otto anni. Anche i due fratelllastri e il cognato di Westall furono pittori. 
(FAGR 02-01-2021)
 
 
 
1 GENNAIO
Il 1 gennaio del 1543 si riuniva per la prima volta al Pantheon (nella cappella di San Giuseppe) la "Pontificia Accademia dei Virtuosi", la prima società di artisti approvati dalla Chiesa a cui potevano unirsi i pittori, scultori e architetti di origine sia italiana che straniera. Il loro scopo era quello di aiutarsi qualora si fossero trovari difficoltà economica o di salute. Nomi illustrissimi fecero parte di questa società nel corso dei secoli come: Velazquez, Borromini, Beccafumi, Pietro da Cortona, Antonio da Sangallo il Giovane e altri ancora. 
(FAGR 01-01-2021)
 
 
 
 
 
FAGR Editore (2008-2021)- Tutti i diritti riservati.
 
 
FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO 
 
IL NOSTRO SHOWROOM E' A RAVENNA (clicca qui per maggiori informazioni)
FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO 
 
IL NOSTRO SHOWROOM E' A RAVENNA (clicca qui per maggiori informazioni)
FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO 
 
IL NOSTRO SHOWROOM E' A RAVENNA (clicca qui per maggiori informazioni)
FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO 
 
IL NOSTRO SHOWROOM E' A RAVENNA (clicca qui per maggiori informazioni)