NEL MONDO DELL'ARTE... OGGI
 
14 APRILE
Il 14 aprile del 1647 nacque il pittore Gregorio de Ferrari, molto operativo nell'ambito ligure nel Seicento. Egli visse nell'ultimo periodo di indipendenza della Repubblica marinara di Genova e ottenne tanto successo da portare la città in primo piano nel panorama dell'esperienza barocca italiana, questo perché il suo stile pittorico fu veramente  innovativo: abbandonò le immagini eroico-celebrative per dare più piacere visivo attraverso il repertorio arcaico naturale. Gregorio ebbe il gusto di meravigliare come Correggio e Rubens, i due grandi maestri che ammirava di più e dalle loro lezioni, trasse elementi nel decorare a Genova Palazzo Balbi e il Palazzo Rosso, diventando per la sua originalità un anticipatore del gusto rococò.  
(FAGR 14-04-2021)
 
 
 
13 APRILE
Il 13 aprile del 1806 moriva l'artista parigino Jean-Jacques Bachelier, il pittore preferito di fiori e animali del re Luigi XV e della marchesa Pompadour, sostenitrice dello stile pittorico Rococò in Francia. Assieme ad Alexandre-François Desportes, egli viene considerato l'iniziatore della pittura animalista che ebbe poi grande seguito in Europa. Bachelier fu un eccellente esecutore di pitture ornamentali e nelle sue nature morte disponeva gli oggetti come sospesi nell'aria su sfondi chiari. Nel 1751 divenne direttore artistico delle manifatture di porcellane e per migliorare le sue opere, non esitò mai a darsi alla sperimentazione. Inventò anche un nuovo tipo di bianco ancora usato ai nostri giorni. 
(FAGR 13-04-2021)
 
 
 
12 APRILE
Il 12 aprile del 1522 moriva il pittore fiorentino Piero di Cosimo, uno dei pittori più originali del suo tempo. Il fascino dei suoi quadri viene da scene di insolito contenuto frutto di una fantasia poetica. I suoi gruppi di nudi arditamente intrecciati esercitarono una impressione durevole persino su Michelangelo. Fu allievo di Cosimo Rosselli di cui fu anche collaboratore negli affreschi della Cappella Sistina (nel 1481-82) e dalla quale prese il nome. A parte il viaggio a Roma con il suo maestro, egli però non si mosse mai da Firenze dove lavorò sempre per i ricchi borghesi fiorentini come i Vespucci e i Pugliese, i quali con le loro committenze, impreziosirono di capolavori l'arte italiana. 
(FAGR 12-04-2021)
 
 
 
11 APRILE
L'11 aprile del 1749 nasceva la pittrice parigina Adélaide Labille-Guiard, mirabile interprete del Neoclassicismo francese che riuscì nel 1783 (nonostante donna) ad essere ammessa all'Accademia. Ella risulta tra i pochi artisti ad avere successo sia durante la monarchia di Luigi XVI che nel periodo della Rivoluzione francese, ricevette infatti commissioni importanti dai nipoti del re di Francia e anche da Robespierre (si fece fare il ritratto). Adélaide fu allieva del miniaturista François-Elie Vincent, di cui sposerà il figlio nel 1799; ebbe poi molte allieve e per loro si batterà in modo da ottenere il diritto delle donne di essere ammesse all'Accademia senza numero chiuso. 
(FAGR 11-04-2021)
 
 
 
10 APRILE
Il 10 aprile del 1882  moriva a 53 anni il pittore britannico di origine italiana Dante Gabriel Rossetti, uno dei capi più importanti del movimento artistico del Preraffaellismo che dagli anni quarata  a quelli ottanta dell'Ottocento, ebbe un grande successo in Inghilterra. Le opere di Rossetti si proponevano di riportare le immagini pittoriche a quelle delle antiche forme fiorentine e veneziane precedenti ai lavori troppo perfetti di Raffaello per recuperare la spiritualità del passato. I suoi capolavori rientrano nello stile del Simbolismo europeo. Tra i suoi allievi il più significativo fu Edward Burne-Jones, ma in molti furono gli artisti che si ispirarono alla sua pittura. 
(FAGR 10-04-2021)
 
 
 
9 APRILE
Il 9 aprile del 1813 nasceva il pittore lettone Alexander Heubel, le cui opere furono influenzate dal Romanticismo tedesco. Egli studiò a Dresda e a Dusseldorf, ma poi fece ritorno in Lettonia a causa di problemi di salute, dove poi morì a soli trentaquattro anni di tubercolosi. La sua arte si concentrò principalmente sui temi religiosi e sulle figure bibliche. Ebbe grande successo, tanto da ricevere una commissione dalla imperatrice consorte Carlotta di Prussia durante un suo viaggio a Roma. 
(FAGR 09-04-2021)
 
 
 
8 APRILE
L'8 aprile del 1618 moriva attorno ai trent'anni (data di nascita incerta) il pittore Antonio Carracci. Figlio naturale di Agostino Carracci e di una cortigiana conosciuta a Venezia quando si dedicava alla carriera di incisore, Antonio fu allievo del padre finché visse, poi dello zio Annibale Carracci (si pensa che arrivò a Roma per collaborare con lui alla decorazione della Galleria Farnese). Dopo lavorò per affrescare numerose chiese romane e anche alla Cappella del Palazzo del Quirinale assieme a Guido Reni.  
(FAGR 08-04-2021)
 
 
 
7 APRILE
Il 7 aprile del 1614 moriva a 72 anni il pittore Dominikos Theotokopoulos, soprannominato El Greco, ritenuto il primo grande maestro del “Secolo d'oro” spagnolo. Iniziò come pittore di icone a Creta (allora faceva parte della Repubblica di Venezia), dopo di che si trasferì a Venezia per studiare i grandi pittori veneti come Tiziano, Tintoretto e Veronese. Si trasferì in seguito a Toledo in Spagna, dove rimase fino alla morte e sarà qui che creerà i suoi più importanti capolavori. La sua pittura considerata dai più di tipo manierista, è originalissima perché di grande fantasia, tanto da essere amata anche dai pittori moderni. 
(FAGR 07-04-2021)
 
 
 
6 APRILE
Il 6 aprile del 1520 moriva a 37 anni il grande Raffaello Sanzio da Urbino. Figlio del pittore e scrittore Giovanni Santi, artista alla corte dei Montefeltro, rimase orfano a 11 anni ed ebbe modo di formarsi nella cerchia dei pittori attivi in Umbria come Pietro Perugino e Luca Signorelli. A 17 anni era già maestro e a 20 collaborò con il Pinturicchio agli affreschi nella libreria Piccolomini di Siena. A Firenze conobbe Michelangelo Buonarroti e Leonardo da Vinci da cui apprese la lezione sui movimenti del corpo dal primo e la lezione sulla espressività dei volti con il famoso “sfumato” dal secondo. Chiamato a Roma dal papa Giulio II, consacrò la propria fama con il ciclo di affreschi nelle Stanze Vaticane e quelli nella Farnesina per il banchiere Agostino Chigi. Celebre ritrattrista, le sue “Madonne” sono considerate un modello di bellezza irraggiungibile. 
(FAGR 06-04-2021)
 
 
 
5 APRILE
Il 5 aprile del 1527 nasceva il pittore milanese e manierista “Giuseppe Arcimboldo”, famoso per i suoi dipinti burleschi: le famose “teste composte” create mettendo insieme numerosi ortaggi, pesci e oggetti. Egli discendeva da un ramo cadetto aristocratico milanese, i conti di Arcisate e studiò nella bottega del padre, Biagio Arcimboldo, stimato pittore. Lavorò presso il Duomo di Milano e di Monza, ma nel 1562 decise di lasciare l'Italia per raggiungere Massimiliano II d'Asburgo alla corte viennese; ottenne stima anche dal successivo imperatore, Rodolfo II, che seguì a Praga dove ottenne la nomina di “Conte Palatino”. Nel 1587 tornò a Milano dove ebbe ancora molto successo. 
(FAGR 05-04-2021)
 
 
 
4 APRILE
Il 4 aprile del 1566 moriva a 57 anni Daniele Ricciarelli da Volterra, più comunemente noto con il soprannome di “Braghettone”, per aver ricevuto nel 1565 l'ordine dal papa Pio IV, di coprire le nudità del Giudizio Universale di Michelangelo Buonarroti nella Cappella Sistina con perizomi e foglie di fico. Egli crebbe nella cerchia degli artisti senesi e seguì Baldasse Peruzzi a Roma nel 1535, per diventare poi allievo di Perin del Vaga (allievo di Raffaello). Fu raccomandato da Michelangelo presso il papa Paolo III che lo nominò soprintendente dei lavori in Vaticano (carica tenuta fino alla morte di quest'ultimo nel 1549).  Michelangelo, suo amico, gli diede numerosi schizzi da usare per le sue opere che gli diedero una fama talmente grande da essere ritenuto adatto a mettere mano al capolavoro nella Cappella Sistina. 
(FAGR 04-04-2021)
 
 
 
3 APRILE
Il 3 aprile del 1682 moriva a 64 anni cadendo da un'impalcatura uno dei più grandi artisti spagnoli di sempre: Bartolomé Esteban Murillo. Entrò a bottega da Juan Castillo a Siviglia e durante la sua formazione, studiò le opere di Zurbaran e Ribera. Il successo per lui  arrivò quando ricevette la commissione di eseguire tredici dipinti per il chiostro della Chiesa di San Francisco el Grande, dopo di ché fondò nel 1660 l'Accademia di Siviglia, di cui fu direttore assieme a Francisco Herrera il Giovane. Sposò Beatriz Cabrera, la quale gli diede nove figli. Pur essendo stato principalmente un pittore di dipinti sacri diventati celebri, sono le sue opere ritraenti giovani del popolo (tra cui zingari e mendicanti) oggi ad essere maggiormente apprezzate. 
(FAGR 03-04-2021)
 
 
 
2 APRILE
Il 2 aprile del 1709 moriva a 69 anni il pittore genovese Giovan Battista Gaulli, più comunemente noto come il Baciccio. Studiò nella bottega del suo concittadino Luciano Borzone, ma si trasferì a Roma a 18 anni dove entrò nella cerchia di Gian Lorenzo Bernini di cui divenne presto un fidato collaboratore. Nella città eterna realizzò il celebre affresco del ciclo di Gesù che gli diede grande fama; affrescò anche la volta della Basilica dei Santi Apostoli e realizzò numerosi dipinti di ritratti di papi e cardinali. Fu nominato nel 1674 "principe" dell'Accademia di San Luca. 
(FAGR 02-04-2021)
 
 
 
1 APRILE
Il 1 aprile del 1621 moriva a 43 anni il pittore fiorentino Cristofano Allori, figlio di Allessandro Allori, l'allievo prediletto del Bronzino. Entrò fin da giovanissimo nella bottega del padre (tenuto in grande considerazione nella corte dei de' Medici) ed ebbe modo di firmare la sua prima opera a 13 anni. Studiò le opere di Raffaello e del Correggio, così poté distaccarsi dai toni freddi bronzineschi per dare un colorito più morbido ai suoi soggetti. La sua abilità nel disegno e nell'uso caldo del colore, lo resero uno dei pittori più apprezzati del tardo manierismo.  
(FAGR 01-04-2021)
 
 
 
 
 
 
 
FAGR Editore (2008-2021)- Tutti i diritti riservati.
 
 
FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO 
 
IL NOSTRO SHOWROOM E' A RAVENNA (clicca qui per maggiori informazioni)
FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO 
 
IL NOSTRO SHOWROOM E' A RAVENNA (clicca qui per maggiori informazioni)
FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO 
 
IL NOSTRO SHOWROOM E' A RAVENNA (clicca qui per maggiori informazioni)
FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO 
 
IL NOSTRO SHOWROOM E' A RAVENNA (clicca qui per maggiori informazioni)